Bit Beat - Compilazione di micromusicisti italiani

by To Lose La Track

/
  •  

1.
2.
3.
4.
5.
6.
7.
8.
9.
10.
11.
12.
13.
14.
15.
16.
17.
18.
19.
20.
21.
02:06

about

Il termine micromusic viene coniato da Carl, gestore del sito www.micromusic.net; il motto del sito e' "low-tech music for high-tech people" il che potrebbe esplicitare tutto il concetto di micromusic. Con micromusic si intende, generalmente, musica fatta con vecchie console o computer che, essendo datati, generano musica di bassa qualità. Il fatto della qualità audio dipende dai chip integrati all'interno degli "strumenti" che non sono in grado di riprodurre federlmente l'audio ma lo riproducono usando solo 8-bit. L'estremizzazione della micromusic la si ha usando un Gameboy con un'apposita software per suonare (i due principali programmi sono reperibili su www.littlesounddj.com e www.nanoloop.com). Ma il concetto di micromusic è, comunque, piu' espanso di cosi'. I micromusicisti si divertono a suonare con i mezzi piu' disparati e non strettamente a 8 bit. C'e' chi usa un computer moderno, chi usa un Commodore 64, chi apre e smonta giocattoli e si affida al “circuit bending” (l'arte, inventata da Reed Ghazala nel 1960, di creare cortocircuiti di basso voltaggio in strumenti elettronici alimentati a pile, come giocattoli, tastiere e effetti, allo scopo di creare nuovi strumenti musicali e generatori di suono), o chi usa semplicemente dei normali synth ma con la giusta attitudine e c'e' chi usa tutto insieme. La compilazione BIT BEAT raccoglie 20 micromusicisti, più o meno noti alle scene, provenienti da ogni parte d'Italia, ed è in pratica il primo esperimento discografico, al di fuori del web, di mappatura della scena italiana, realizzata grazie all’aiuto della comunità virtuale del portale www.8-b.it.
[Carlo Minucci aka Gecco & Luca Benni]

La scelta per il low tech è una scelta anticonformista. Contro il sistema. Ed è una sfida estetica. Oltrepassare i limiti, portare la macchina alle sue estreme possibilità creative. Che cosa sarà mai possibile fare con i circuiti di un oggetto da mercatino o con il software artigianale messo a punto per un vecchio gameboy?
La risposta non è solo nei suoni, ma nella sfida, nell'idea e nella cultura che sta dietro questi operazioni artistiche.
[Pierluigi Casolari, giornalista e studioso di new media]

credits

released June 30, 2007

Design by Crimic Studio www.crimic.com

tags

license

all rights reserved

about

To Lose La Track Umbertide, Italy

Italian record label founded in Umbertide (Italy) in 2005 by Luca Benni. Dedicated to good music.

contact / help

Contact To Lose La Track

Streaming and
Download help

Redeem code